Close

Preci e la Valle Castoriana

25,00

  • Anno: 2018
  • Autore: Fabbi Ansano
  • Città: Foligno
  • EAN: 9788894805574
  • Editore: Il Formichiere
Categoria: Product ID: 1905

Descrizione

Presentazione di Valerio Pennaso, 252 p., f.to cm 30×21, ill. b/n, brossura.

Il sisma del 24 agosto 2016 ha lacerato profondamente le persone, le comunità, i territori e i loro patrimoni. Scosse ripetute e continuative hanno inciso gravemente un tessuto coeso e forte, orgoglioso e deciso. Le persone, il territorio, le cose e le tradizioni sono un tutt’uno fortemente identitario, che supera le difficoltà del vivere, le asperità e le solitudini… Fabbi Ansano, sacerdote della diocesi di Norcia [la prima edizione di questo libro è del 1963, mentre la nascita dell’arcidiocesi di Spoleto-Norcia è del 1986], profondo conoscitore dell’arte della Valle Castoriana e della diocesi di Norcia, in questa sua opera racconta la vita delle opere del ricchissimo patrimonio di opere d’arte spesso non più esistenti a causa dell’ultimo sisma. Parlare d’arte e della loro storia significa raccontare la storia delle persone e delle comunità che le hanno ideate, realizzate e conservate, nella consapevolezza che proprio il loro uso ne ha garantita l’importanza e la sussistenza. I luoghi, le cose e le tradizioni rafforzano così l’identità sociale, ma soprattutto rappresentano il valore aggiunto dell’esperienza di fede che è capace di continuare la trasmissione della fede. La preziosità della testimonianza di queste narrazioni raccolte nel volume acquista un valore esemplificativo per non dimenticare. Un meraviglioso esempio di vita quotidiana che porta nuovamente alla ribalta una meravigliosa zona esattamente nel cuore dell’Italia, perché la memoria non venga meno, ma soprattutto perché il futuro possa rifiorire. (dalla Presentazione di Valerio Pennasso)

SOMMARIO: Presentazione; Bibliografia; La Valle Castoriana nell’antichità; Sommario storico della Valle Castoriana; Le Chiese di Preci e le opere d’arte; La Scuola chirurgica preciana; Castel di Monte Sanmartino; S. Lazzaro in Valloncello e il Lebrosario; La Valle Oblita e le sue Chiese; L’Abbazia di S. Eutizio nell’arte; Il Castello di Abeto; Il Castello di Todiano; I Castelli di Ancarano; Il Castello di Campi.